Distrugge con l’ascia la pizzeria del rivale
Il motivo? Invidia: «Lui lavora, io no»

Denunciato dai carabinieri il titolare di un pubblico esercizio fermo causa lockdown - Se l’era presa con un collega che lavora grazie all’asporto. La vittima: «Mi ha spaccato tutto»

Distrugge con l’ascia la pizzeria del rivale Il motivo? Invidia: «Lui lavora, io no»
Ahmed ritratto all’interno della sua pizzeria

Como

Tutta colpa del lockdown, dello stress, dei mancati introiti e dell’invidia per chi, invece, nonostante le limitazioni di queste ultime settimane, ha comunque potuto lavorare.

Così un pizzaiolo comasco di 55 anni residente a Maslianico si sarebbe giustificato davanti ai carabinieri, assumendosi la responsabilità del raid messo a segno ai danni della pizzeria da asporto “Al numero 1” di Monte Olimpino, devastata a colpi d’ascia nella tarda serata di domenica pochi minuti dopo la chiusura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}