Il Natale di Como dimentica... Como. Toscana, Puglia, Sicilia e tante altre regioni nelle casette: il sindaco aveva promesso prodotti locali

Il mercatino Persino nel programma elettorale Rapinese parlava di “chilometro zero” in piazza. Abbigliamento, accessori, bigiotteria, formaggi e vin brulé: quasi tutto arriva da fuori regione

Il Natale di Como dimentica... Como. Toscana, Puglia, Sicilia e tante altre regioni nelle casette: il sindaco aveva promesso prodotti locali
Pucce salentine ai mercatini natalizi di Como
(Foto di Butti)

Anelli, collane, braccialetti, cappelli di lana, sciarpe di lana, guanti di lana. Accanto stand di vin brulé dall’inconfondibile odore che ti raggiunge ancora prima di vedere la casetta, l’altrettanto inconfondibile odore di formaggi, tome, caciotte, burrate in arrivo da tutta Italia, che sia la Puglia, la Toscana oppure la Campania e la Sicilia. Il mercatino del “Natale a Como” è ormai pieno con (quasi) tutte le casette in funzione e la gente che cammina accanto. Pure il freddo è ormai calato sulla città, in fondo anche questo tipico del posto, il lago di Como, con il vento che soffia «e ti entra nelle ossa», come ci dice un commerciante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA