Dagli approdi agli agoni: perché il Lario in picchiata ci provoca un mare di guai

La storia In Alto lago è andata meglio rispetto al capoluogo per la pioggia, ma l’assenza di precipitazioni spinge i livelli sotto lo zero idrometrico.

Dagli approdi agli agoni: perché il Lario in picchiata ci provoca un mare di guai
La scala a lago di Ossuccio sospesa nel vuoto: l’acqua è sparita

In Alto lago, rispetto al capoluogo, è andata un po’ meglio, perché stando ai numeri diffusi dalle centraline che fanno capo al Centro Meteo Lombardo a Dongo da inizio anno sono caduti 458,7 millimetri di pioggia contro i 218,9 censiti dalla centralina dell’Aero Club, uno dei simboli del capoluogo. Eppure la pioggia poco o nulla ha potuto per arginare la picchiata verticale del livello del lago di Como, che già dal 1° giorno dell’anno (la fonte è il sito laghi.net) ha rincorso in maniera affannosa il livello medio del periodo, calcolato in base alle rilevazioni iniziate nel lontano 1946.

© RIPRODUZIONE RISERVATA