Il deserto che avanza: sempre più numerosi i piccoli negozi chiusi. In sei anni perse sul Lario 550 attività

Il trend Confcommercio Como suona l’allarme e si appella agli enti locali. Galimberti: «Il pericolo desertificazione commerciale non va sottovalutato»

Il deserto che avanza: sempre più numerosi i piccoli negozi chiusi. In sei anni perse sul Lario 550 attività
Il convegno di Confcommercio Como a Villa Gallia

Piccoli negozi chiudono: giunti alla pensione i titolari lasciano l’attività senza che altri rilevino e proseguano. Un trend accelerato dai lockdown: nel 2020 le attività di commercio al dettaglio sono diminuite a Como del 2,4%, a Lecco del 3,3%. Però nel 2021 non sono aumentate. In realtà il trend negativo, secondo l’analisi dell’ufficio studi di Camera di Commercio di Como Lecco, era già in atto: negli ultimi sei anni 550 negozi hanno chiuso nell’intera area lariana. Si tratta di una diminuzione del 6%, in linea con quello che accade in Italia e meglio del resto della Lombardia (-7,5%).

Così le luci delle vie si spengono e un fenomeno progressivo, poco manifesto e pericoloso trasforma le strade e le piazze dei quartieri in deserti, prossimi al degrado, meno sicuri, meno vitali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA