Variante, primo intoppo inatteso: scavi fermi dopo il ritrovamento di idrocarburi

Colonno Stop alla realizzazione della galleria di svincolo, in attesa delle analisi da parte di Arpa. Bisognerà anche capire in quale cava si potrà portare questo materiale per lo smaltimento

Variante, primo intoppo inatteso: scavi fermi dopo il ritrovamento di idrocarburi
L’escavatore prosegue all’esterno, nel punto in cui ci sarà un ingresso della galleria

La “fine lavori” entro cinque anni (a far data dal prossimo marzo) è confermata, ma ora il cantiere di Colonno della variante della Tremezzina deve fare i conti con un’interruzione temporanea dei lavori di scavo della galleria di svincolo, nota anche come salto di montone, che una volta ultimata diventerà il nuovo tracciato della statale sino alla fine del cantiere.

La notizia è stata ufficializzata da Anas durante il sopralluogo di domenica del ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini ed alla base ha il fatto che le ultime analisi sullo smarino (o materiale di scavo) prelevato dalla galleria - all’appello mancano peraltro una cinquantina di metri per abbattere l’ultimo diaframma - hanno evidenziato la presenza di idrocarburi naturali in quantità superiore ai valori consentiti. Da qui lo stop allo scavo e le analisi del caso affidate all’Arpa.

Leggi anche

© RIPRODUZIONE RISERVATA