Mercoledì 09 Giugno 2010

Marea nera: come sarà
il mondo senza petrolio

Che gli americani amino le situazioni estreme e gli scenari apocalittici non è un mistero. Al cinema come nella realtà.
Così anche la marea nera ha rinforzato questa tendenza in ampie fasce della popolazione. E c'è chi si prepara al peggio.
E' il caso di Jennifer Wilkinson, 33 anni, ingegnere elettronico della Virginia, che non vuole farsi cogliere impreparata. Ha allestito un vero e proprio orto nella sua cucina. Sopravviverà quando i supermercati saranno presi d'assalto e non ci sarà più nulla da mangiare.
In un intervista telefonica con il New York Times, la Wilkinson ha parlato per tre ore "della vita dopo il petrolio".
La catastrofe del Golfo del Messico e la perdita di una quantità enorme di petrolio hanno rinforzato l'idea che ha ossessionato la Wilkinson per più di un anno. Siamo agli sgoccioli, il fabbisogno di petrolio ha superato le risorse, ne deriva, sempre secondo la Wilkinson, un collasso economico mondiale imminente, scarsità di cibo e disordini civili.
L'effetto catastrofico della marea nera non si ferma agli aspetti ambientali e sta "corrompendo" la psicologia di massa fino a penetrare anche nelle stanze del potere.
Così tornano alla ribalta due politici, Tom Udall, democratico del New Mexico e Roscoe Bartlett, repubblicano del Maryland, hanno fondato nel 2005 il Congressional Peak Oil Caucus, una movimento politico dotato di siti online, video, presente in tutti i social network più importanti: l'obiettivo è mettere in contatto le persone che pensano già a come vivere una volta che il petrolio sarà terminato.
Anche Andre Angelantoni, un web designer che ha votato Obama, nella sua casa a San Rafael, in California, si è costruito una riserva alimentare nel caso in cui la mancanza di petrolio causi una confusione tale da impedire l'arrivo ai supermercati, e ha trasformato tutti i suoi investimenti in oro e argento.
"La vita non sarà facile" afferma Angelantoni, la cui società, la Post Peak Living, offre corsi online post-collasso.

u.montin

© riproduzione riservata