Sabato 07 Agosto 2010

I figli del "boom": i nostri lussi?
Viaggi, web e animali domestici

NEW YORK - Sono i figli della "rivoluzione", i protagonisti della stagione del '68 e degli anni delle grandi rivolte e dei diritti civili.
Negli anni si sono progressivamete ritirati nel privato, hanno rivosto molte poisizioni, in tanti hanno fatto carriere e oggi sono ai vertici di aziende e istituzioni mondiali.
Ora i "baby boomer" stanno rivedendo anche le loro passioni, i loro interessi primari. Secondo un sondaggio condotto da MainStay Investements oggi per questa fetta della popolazione internet, viaggi e la cura degli animali domestici sono necessità. 
I consumatori intervistati, di età compresa fra i 45 e i 65 anni, stanno ridefinendo la propria concezione di bene di lusso e bene necessario. Tradizionalmente i beni necessari ricadono in tre categorie - cibo, vestiario e abitazioni, - ma questo sta cambiando. Secondo l'84% degli intervistati la connessione internet è una necessità, il 51% considera irrinunciabile la cura degli animali domestici, mentre quasi la metà deve concedersi almeno una vacanza all'anno.
Molti dei "baby boomer" intervistati hanno dichiarato che sarebbero disposti a cambiare il modo in cui risparmiano per la pensione pur di poter mantenere lo stile di vita tenuto durante gli anni di lavoro. C'è chi sarebbe disposto a lavorare di più, chi a trasferirsi in case più piccole o addirittura chi vorrebbe spendere meno adesso per poi potersi concedere uno stile di vita più agiato in futuro.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags