Venerdì 17 Settembre 2010

Fumetti: a Monza il 1° Sloworld
celebra gli 80 anni di Topolino

MONZA Una mostra dedicata a Topolino nell'80° anniversario delle sue strisce, un omaggio a Rodolphe Topffer, un regalo per il 300° numero di Lupo Alberto e un viaggio indimenticabile nell'arte di Osamu Tezuka, padre del fumetto e dell'animazione giapponese. Un fitto programma con incontri, convegni, stand di espositori da tutta Italia, laboratori e tante altre curiosità. Questo il menu del primo Sloworld Salone del turismo lento e del fumetto eccellente, nona Arte e turismo uniti in un sodalizio slow, che si inaugura oggi (sabato 18, e continua domani, 19) all'Autodromo di Monza (ingresso libero, info www.sloworld.eu, 039-83.27.16 e 039-262.25.69). Sloworld è la prima edizione di una fiera pensata e realizzata da Betania scs onlus con la Fondazione Franco Fossati (Museo del Fumetto) per esaltare il connubio tra arte e turismo.
La prima mostra è dedicata agli 80 anni di Topolino: appunto nel 1930, venivano pubblicate le prime strisce a fumetti di Mickey Mouse. Per questo anniversario la Fondazione Franco Fossati ripercorre la storia del topo più famoso del mondo e le tappe di questo successo mondiale, dalla nascita nei cortometraggi ai numeri più recenti del settimanale italiano, senza tralasciare le edizioni straniere, le curiosità e l'oggettistica con pezzi da collezione preziosi e documenti inediti esposti per la prima volta. Una parte importante della mostra è dedicata alle più belle storie di Topolino di ogni tempo.
L'inventore del fumetto Rodolphe Topffer, nei primi anni dell'Ottocento, fu viaggiatore e autore di libri illustrati di turismo lento. Da allora, gli artisti in tutto il mondo viaggiano e raccontano con immagini e fumetti.
Come Massimiliano Frezzato, che a Sloworld è presente ed espone gli originali del suo Tour de France (Pavesio). Inoltre, statue "diabolike": l'editore Astorina espone una pregevole collezione di statue e statuette di Diabolik, quelle prodotte da Sorprese & Dintorni ma anche pezzi storici usciti per l'occasione dalle cassaforti dell'editore. Il "re del terrore" e Eva Kant saranno presenti in molte forme, con particolare attenzione alla 3D-Art, dove la “D” questa volta sta per Diabolik. Dopo venticinque anni di pubblicazione ininterrotta, Silver (Guido Silvestri) e il suo staff hanno superato il traguardo dei 300 numeri di Lupo Alberto: Silver lo festeggia a Monza disegnando per il pubblico. Infine, una mostra rievoca le opere più rappresentative di Osamu Tezuka, padre del fumetto e del cinema d'animazione giapponese, riconosciuto universalmente come il «dio dei manga».
Andrea Cavalcanti

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags