Martedì 14 Dicembre 2010

I fumetti di Sergio Toppi
sulle rotte dell'Immaginario

MILANO «Sulle rotte dell'Immaginario» è un viaggio nella storia dell'Uomo. Nel tempo e nei luoghi che lo vedono protagonista. Chi lo racconta è Sergio Toppi, "viaggiatore immobile" che, come Salgari, si è affidato alla propria - grandiosa - immaginazione e a un meticoloso studio sul dettaglio, senza mai abbandonare la scrivania. Un nome, quello di Toppi, unico nel panorama del fumetto e dell'illustrazione europea e non solo.
Africa, Europa, l'Oriente e le Americhe, ma anche calotte polari e rotte oceaniche.
«Sulle rotte dell'Immaginario» è una collana che raccoglie, in ogni volume, 180 tavole a fumetti e 120 illustrazioni, in bianco e nero o a colori. In edicola con «Il Giornalino», 12 volumi di 224 pagine ciascuno recuperano una produzione che copre l'80% dell'opera complessiva di Toppi, di cui la metà inedita in Italia. Un tributo a una carriera che si estende lungo 50 anni di attività artistica e che il settimanale per ragazzi dei Periodici San Paolo, in collaborazione con il Museo Italiano del Fumetto e dell'Immagine di Lucca, vuole rendere a Toppi attraverso una vera e propria impresa editoriale.
La vita quotidiana, le tradizioni, i costumi, il sacro e l'ignoto nel vissuto dell'uomo comune: tutti gli elementi connotativi di civiltà che attraversano i continenti, colti dallo sguardo minuzioso di un "umile artigiano", come l'autore ama definirsi. In ciascun volume, l'illustrazione è coniugata a un testo narrativo reso da un font calligrafico che guida il lettore nel percorso, sviluppando, anche storicamente, le origini dell'Umanità, dagli albori preistorici in terre africane a dimensioni fantastiche e ultraterrene. Un diario di bordo, dunque, per viaggiare ai confini del mondo.
Spiega padre Stefano Gorla, direttore de «Il Giornalino»: «In questa serie inedita abbiamo riunito gran parte dell'opera di Toppi, una collana che vuole essere un omaggio all'artista, da 34 anni collaboratore del nostro settimanale. E, soprattutto, la volontà di ricostruire quel viaggio tracciato dallo sguardo dell'autore che si fa pellegrino tra i mondi da lui immaginati».
Aggiunge Angelo Nencetti, direttore del Museo del fumetto e dell'Immagine di Lucca: «Il diario illustrato è la formula narrativa che costituisce la linea guida nell'intera collana «Le rotte dell'Immaginario» che rappresenta un percorso attraverso "i diari illustrati" di grandi autori del fumetto italiano. A Sergio Toppi è dedicata la prima parte, nella cui opera grafica emergono la sua caratteristica dissoluzione del perimetro della vignetta, la verticalità, il tratto definitivo, l'abbacinante uso del bianco e nero, il particolare utilizzo del "fuori campo" che creano grafismi unici e riconoscibili. Tutta la poetica formale di Toppi si spiega nel materiale raccolto in questi volumi».
«Sulle rotte dell'Immaginario» è stata anche un'esposizione di tavole originali dal 1° al 15 novembre scorsi allo lo spazio espositivo «Enzo Biagi» della Libreria Rizzoli a Milano.
L'opera è a metà della pubblicazione: dopo «Africane», «Mediterranee», «Europee», «Mediorientali», «Orientali» e «Indioasiatiche», in uscita questo mese «Australi» e «Amerinde» e, in gennaio, «Nordiche», «Sacro» e «Ignoto». Completano la collana due volumi, di 128 pagine ciascuno in uscita il 27 gennaioe il 3 febbraio, dedicati ai 150 anni dell'Unità d'Italia.
Intitolata «150° - Storie dell'Unità d'Italia», l'iniziativa si compone di un'antologia inedita di opere di grandi autori del fumetto italiano che illustrano il percorso di formazione dell'identità nazionale del nostro Paese attraverso la vita delle persone comuni. Nomi del calibro di Carlo Ambrosini, Giorgio Cavazzano, Pasquale Frisenda, Corrado Mastantuono, Ivo Milazzo, Marco Nizzoli, Francesco Artibani, Renzo Calegari, Sergio Tisselli e, ancora, Sergio Toppi, marcano la garanzia di qualità per un'opera che vuole sensibilizzare i ragazzi sul valore della Storia e sulla coscienza civile di questa ricorrenza grazie al linguaggio del fumetto. Entrambe le iniziative, sono in vendita in edicola e nelle parrocchie allegate a «Il Giornalino» e a «Famiglia Cristiana» a 9, 90 euro in più rispetto al costo delle riviste. Informazioni e prenotazioni allo 02-48.02.75.75 o a vpc@stpauls.it.
Andrea Cavalcanti

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags