Venerdì 04 Febbraio 2011

Cappuccino e caffè nelle case Usa
grazie alle cialde al gusto italiano

Quando sono all'estero e nella fattispecie in Italia amano queste bevande da farne spesso soggetti principali del pranzo o della cena. Adesso gli americani potranno gustare a casa propria il caffè italiano e il famoso cappuccino. Ciò grazie a un accordo pluriennale di sviluppo e distribuzione per gli Stati Uniti e il Canada raggiunto dalla Lavazza con Green Mountain Coffee Roasters, di cui la società torinese detiene da sei mesi una quota tra il 6 e il 7%.
 "Il mercato nordamericano - ha detto  l'amministratore delegato della Lavazza, Gaetano Mele - ha grandi opportunità. Gli obiettivi saranno fissati nel business plan che stiamo mettendo a punto. Grazie alle nostre tecnologie, al nostro prodotto e al nostro marchio il caffè espresso italiano, a partire dal prossimo anno, arriverà a New York".
Mele ha spiegato che le nuove macchine firmate Lavazza-Keurig saranno capaci di fare anche l'espresso nella versione cappuccino a base di latte fresco, particolarmente amata dagli americani. Il sistema sarà quello delle cialde dedicate al mercato della famiglia.
La società Usa attraverso la divisione Keurig, che oggi detiene oltre l'80% del porzionato in Nord America, si occuperà dell'aspetto commerciale e del marketing, con l'obiettivo di incentivare al consumo del caffè italiano anche la massaia americana.
L'accordo con Green Mountain Coffee Roasters prevede anche una possibile collaborazione oltre i confini nord americani, in alcuni mercati selezionati, dove Lavazza potrebbe distribuire i sistemi a cialde Keurig. "Li aiuteremo a vendere il loro prodotto, il caffè lungo all'americana nel resto del mondo", spiega Mele.
"Il nostro obiettivo è avere una posizione preminente nel mondo del porzionato, cioè delle capsule sia per l'espresso sia per il caffè lungo". Ci sarà anche una stretta collaborazione in area tecnologica, per lo sviluppo della macchina oggetto del contratto di distribuzione, ma anche per i modelli futuri.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags