Martedì 08 Marzo 2011

La tartaruga gigante
fa tremare Hanoi

Comitati ufficiali, squadre di soccorso, animalisti, curiosi: tutta Hanoi è mobilitata per salvare una tartaruga gigante.
Ma non si tyrata dio un anaomale qualsiasi, bensì della leggendaria abitante del lago Hoan Kiem, simbolo di fortuna e della lunga lotta per l'indipendenza del Vietnam.

Da giorni centinaia di persone sono ammassate intorno al piccolo lago nel pieno centro della capitale per osservare da vicino i sommozzatori e le barche della protezione civile impegnate nella ricerca dell'animale: una tartaruga a corazza soffice della specie Tracheys scripta elegans, di età stimata intorno ai 300 anni per oltre 200 chili di peso, ultimo esemplare sopravvissuto nell'Hoan Kiem e, si pensa, fra gli ultimi quattro viventi al mondo.
 Alcuni testimoni hanno raccontato che sarebbe stata attratta, grazie a un'enorme esca, su una piccola isola che si trova in mezzo al lago dove attualmente è sottoposta a esami e alle amorevoli cure dei veterinari.

"E' preziosissima per i vietnamiti" racconta Dang Giao Huan, militare in pensione di 66 anni. Come gli altri abitanti di Hanoi è venuto a conoscenza da qualche giorno che il rettile negli ultimi avvistamenti ha palesato ferite preoccupanti. "Questa tartaruga è lo spirito sacro della nazione - prosegue il testimone - penso che vada curata".

I media locali hanno ipotizzato che il rettile sia rimasto ferito dagli ami dei pescatori e da piccole tartarughe della Florida apparse nel lago negli ultimi anni.

L'animale è al centro di una leggenda simile a quella di Re Artù: si dice infatti che nel 15esimo secolo l'imperatore Le Loi avrebbe respinto l'invasore cinese grazie a una spada magica, donatagli da una divinità dalle sembianze della tartaruga e poi restituita all'animale tuttora vivente. Da qui il nome del lago, Hoan Kiem che significa "lago della spada restituita". In Vietnam ogni apparizione della tartaruga è ancora oggi considerata come presagio di buone notizie.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags