Mercoledì 07 Settembre 2011

Sarah Jessica Parker annuncia
«Le donne pagheranno la crisi»

NEW YORK «Le donne non sono superwomen, eroine di fantasia, ma persone alle prese con la recessione, con il lavoro di cui non si può fare a meno perchè i budget famigliari richiedono un doppio stipendio». Non sono più tempi da «Sex and the City» e Sarah Jessica Parker apre, con il suo ultimo film «Ma come fa a far tutto?» un nuovo capitolo, che però ha ancora al centro le donne. Lo fa in un'intervista ad «A», il settimanale diretto da Maria Latella, in edicola. «La scuola, il dentista dei figli, le bollette, la cura del guardaroba. Se non si aggiungono traslochi, crisi, cambiamenti. In fin dei conti, se fai la moglie e la madre, sei già a buon punto per diventare una leader», aggiunge l'attrice. «Le donne sanno bene che la macchina del lavoro può essere vampiresca. Inoltre, molti uomini non sono particolarmente collaborativi».
Sarah Jessica Parker, 46 anni, sposata con l'attore Matthew Broderick, tre figli (le due gemelle, di 2 anni, sono nate da madre surrogata), pensa che i maschi oggi «sono decisamente più disponibili nei confronti della moglie che desidera fare carriera, ma nel profondo desiderano comunque la donna chioccia. Non è un limite. Bisogna venire saggiamente a patti con questa esigenza maschile».

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags