Domenica 13 Novembre 2011

Giorgia la mamma felice
«Porto mio figlio in tour»

ROMA «Pensavo che avere un figlio fosse difficile, ma non immaginavo così tanto. Cerco di organizzare gli spazi e i tempi in base a lui: tanto comandano loro, nascono e gestiscono la vita dei grandi, come è giusto».

 
Giorgia si racconta a "Gente". Dopo quattro anni e un figlio, la cantante parla del suo album, Dietro le apparenze, del tour in partenza a gennaio e della sua nuova vita da mamma con il piccolo Samuel. «Io vado in giro come Johnny Stecchino, ripetendo "Non mi somiglia per niente". È biondo platino, sembra svedese. Sembra strano ma anche io fino a 3 anni ero bionda».


 Giorgia sta pensando, come hanno fatto Gianna Nannini ed Elisa, di portare con sè il figlio in tour: «Lui è pure più grande. Proverò ma alla fine sarà lui a decidere».


La neo mamma si dice fiera dell'indipendenza che Samuel già mostra di avere nel carattere. Riflessioni sulla vita con il compagno Emanuel, sulla sua timidezza, ma anche ricordi di infanzia, come quando il padre le fece credere che la canzone "Georgia on my mind" fosse dedicata a lei. «Sì, fino a 11 anni, è stata una botta, mi sono sentita un po' fessa! Ho superato molto meglio Babbo Natale». Più rimpianti o più rimorsi? «Più rimpianti: ma so che non ci si può fermare a ciò che non è stato, alle cose che avrei potuto dire e non ho detto, alle cose mancate con chi non c'è più. Se vivi così ti perdi quello che succede. E io sto cercando di smettere».

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags