Lunedì 30 Aprile 2012

Ristorante vietato ai politici I parlamentari si indignano

ROMA - Un ristoratore di Fermignano (Pesaro e Urbino) ha deciso di vietare l'ingresso nel suo locale ai politici con tanto di cartello fatto affiggere, in bella evidenza, proprio all'ingresso dell'esercizio commerciale. «Siamo al divieto di ingresso al ristorante ai politici, come ai cani: a quando l'obbligo per chi fa politica di girare con una croce gialla sulla giacca, come gli Ebrei sotto Hitler?» si è chiesto, sdegnato, l'onorevola Luca Paolini, deputato della Lega Nord, denunciando l'episodio.

l.barocco

© riproduzione riservata

Tags