Martedì 08 Dicembre 2009

Pacchetti turistici su Cantù
Galliano e sfilata del carnevale

CANTU' Se la voglia di festeggiare il carnevale si fa irrefrenabile, ma partire alla volta di Rio de Janeiro è fuori portata, in un futuro non troppo lontano potrebbe esserci un’alternativa più alla mano. Ovvero Cantù. La proposta arriva dall’associazione Carnevale canturino, ben decisa, quest’anno, a riportare la kermesse da una parte alle proprie radici, incoraggiando la partecipazione spontanea e popolare, e dall’altro a una visione più ambiziosa della manifestazione. Leggi, a far sì che la macchina del carnevale funzioni durante tutto l’arco dell’anno e non solamente per tre sfilate.
«Nei prossimi giorni – conferma Franco Cattaneo – al capannone arriveranno gli studenti del corso di audiovisivi dell’Ipsia Ripamonti di Como, che effettueranno delle riprese destinate a dar vita a un video di presentazione». Di riprese già ne erano state fatte durante la giornata aperta al pubblico organizzata una paio di settimane fa, e ovviamente ce ne saranno durante le sfilate, in programma il 7, 14 e 20 febbraio. Scopo, mettere insieme un dvd che descriva la manifestazione e la città, da distribuire poi nelle agenzie di viaggio.
L’ipotesi è riuscire a offrire pacchetti che mettano insieme una visita alle bellezze della città del mobile – Galliano, per fare il nome del pezzo più pregiato dell’argenteria di famiglia – un pranzo in un ristorante tipico e poi lo spettacolo delle sfilate dei carri. Progetto su cui c’è da lavorare, mettendo insieme anche la collaborazione di quanti in città operino nel ramo, dai ristoratori agli albergatori.

m.butti

© riproduzione riservata