Giovedì 09 Dicembre 2010

Ponte Lambro, che incendio
Distrutti un camper e 5 auto

PONTE LAMBRO - Un violento incendio ha distrutto l'altra notte in un posteggio di via Dante, a Ponte Lambro, un camper e due auto, danneggiandone seriamente altre tre. Il fuoco sarebbe divampato all'improvviso, per cause tutto meno che chiarite, dal cofano di una Renault Clio propagandosi velocemente ai due veicoli che le erano posteggiati ai lati, una Kia Carnival e un camper. I vigili del fuoco, risaliti da Erba con le autobotti, non hanno trovato nulla che facesse pensare a un atto di origine dolosa. Anche se sarà difficile fornire una ricostruzione precisa delle cause, le fiamme potrebbero farsi risalire a un corto circuito o a un guasto meccanico.

Di fatto le due auto sono andate distrutte in un attimo, mentre il proprietario del camper, accortosi di quel che stava succedendo, si è precipitato in strada nel tentativo di salvarlo. Lo ha spostato in avanti, allontanandolo dalla fonte del fuoco, poi ha tentato di limitare i danni con un estintore ma senza successo. Anzi. Il fuoco ha lambito altri veicoli, danneggiandoli in modo serio: una Fiat Punto, una Opel Corsa e una Peugeot. I pompieri, una volta in posto, hanno avuto ragione dell'incendio abbastanza in fretta, ma il danno ormai era fatto. Sull'episodio, ferma restando l'ipotesi iniziale di un guasto accidentale, indagano i carabinieri di Erba, che stanno cercando di intrecciare i pochi elementi a disposizione, fosse anche solo per escludere definitivamente il dolo.

Una ragazza che abita in una casa a ridosso dell'area di parcheggio di via Dante - siamo a pochi metri dall'intersezione con via Damiano Chiesa, poco prima del "confine" con la frazione di Lezza - ha detto di essere rientrata attorno alle due e mezza e di non avere notato nulla di diverso dal solito, né auto, né persone sospette. Si sono vissuti attimi di vera paura: le fiamme si sono alzate molto in alto, ma soprattutto preoccupava la bombola del gas a bordo del piccolo camper. Per fortuna, il rogo è stato domato prima che temperature e calore potessero determinarne l'esplosione, con conseguenze difficilmente immaginabili.

Nel corso dell'operazione di spegnimento, presenti i carabinieri e tutto il vicinato (nel frattempo erano scesi in strada quasi tutti), è arrivato un secondo allarme per un'altra auto a fuoco a Merone. E per qualche interminabile minuto si è temuto di tornare alla stagione dei piromani che, l'anno scorso proprio di questi tempi, terrorizzarono l'Erbese e il triangolo lariano prima di finire arrestati. Per fortuna, le fiamme di Ponte Lambro, non sarebbero dolose.

s.ferrari

© riproduzione riservata