Giovedì 16 Dicembre 2010

Cantù, sui siti a luci rosse
con internet <comunale>

CANTU' Un'ora e mezza giornaliera di navigazione gratis e senza fili grazie alla connessione fornita dal Comune. E senza limiti riguardo ai contenuti, visto che, decreto Pisanu alla mano, ogni utente, fornendo i propri dati identificativi, potrà essere potenzialmente rintracciato. E chissà allora che qualcuno non si diverta a passare il tempo su siti per così dire audaci o magari a sparlare dell'amministrazione su qualche social network a spese di piazza Parini. Da sabato in piazza Garibaldi e all'ingresso delle vie limitrofe approderà il wi-fi gratuito, ovvero la possibilità di navigare nel web senza costi e, appunto, senza fili.
Un regalo che il Comune voleva fare ai cittadini per Natale. La partenza del servizio, è prevista per sabato alle 10.30. Il progetto coinvolge il Comune e una società privata ed è costato alle casse municipali 4.500 euro per 38 mesi di sperimentazione. La procedura necessaria per poter utilizzare la rete con il proprio computer portatile o smartphone è piuttosto semplice. Trovandosi sul crinale basterà collegarsi con il proprio browser al sito provider, che comparirà automaticamente come rete disponibile, ed effettuare la registrazione fornendo i propri dati anagrafici e un numero di cellulare valido, sul quale, entro cinque minuti, si riceverà un sms contenente il codice di navigazione da inserire. E' stato fissato un limite temporale, ovvero un'ora e mezza di utilizzo – non necessariamente consecutiva – e vigeranno dei filtri sulle dimensioni dei download, per bloccare di fatto l'utilizzo dei siti di file sharing. Ma niente censura sui contenuti, perché, ha rimarcato Gallo «in ossequio al decreto Pisanu basta l'identificazione iniziale obbligatoria per rendere poi possibile risalire a un utente».

m.butti

© riproduzione riservata