Lunedì 29 Aprile 2013

Tra i fedeli di Medjugorje
«Una discoteca della fede»

CASNATE CON BERNATE Si è conclusa la due giorni di preghiera dedicata alla Madonna di Medjugorje organizzata al Palasampietro di Casnate.
Nonostante il tempo inclemente, oltre duemila persone hanno affollato il palazzetto dello sport che per anni è stato il tempio della Comense. In tanti hanno raggiunto il raduno in macchina, altri sono arrivati in pullman, anche dalla provincia di Milano e di Varese.

Sul parquet, opportunamente protetto per evitare danneggiamenti, era stato allestito un parterre di sedie completamente occupato da fedeli in adorazione. A guidare questi esercizi spirituali Sabino Simone, laico miracolato oltre 25 anni fa, don Amedeo, sacerdote dell'Aquila e il carismatico brasiliano Ironi Spuldaro, laico a sua volta, con il dono della guarigione.
«La mia storia è cominciata oltre 25 anni fa - spiega Simone - Io ero una persona come tante altre, avevo la mia vita e il mio lavoro, facevo l'istruttore di scuola guida. Da tempo, però, soffrivo di depressione e fu mia madre a insistere perché la accompagnassi in pellegrinaggio a Medjugorje. Ero scettico, ma quel viaggio mi ha cambiato la vita. Da allora ho cominciato a organizzare pellegrinaggi».
Negli anni questi raduni hanno fatto sempre più proseliti, tanto che non essendo più possibile organizzarli nelle chiese, si è passati ai palazzetti dello sport che hanno una capacità ricettiva nettamente superiore.

Il risultato sono giornate dal programma vario: c'è il momento per recitare il rosario, quello per l'adorazione e non manca la celebrazione della santa messa ad opera di differenti sacerdoti. Protagonista della due giorni è stato Ironi Spuldaro, che dal palco allestito all'interno del palazzetto ha invocato lo Spirito Santo.
Raccoglie enormi consensi fra i convinti di questo modo di professare la fede e, grazie al suo dono della guarigione, è seguitissimo ad ogni sua uscita pubblica. Per gli intervenuti al Palasampietro c'è stata anche la possibilità di avvicinarlo per parlargli di persona ed esporre il proprio problema.
Questi raduni prevedono un'organizzazione pianificata in ogni passaggio: dall'accoglienza dei fedeli alla sistemazione nei posti a sedere, dai gadget ai panini con bibita, e c'è anche il servizio d'ordine.
Prossimo passo di questa nuova modalità di intendere l'adorazione sarà l'organizzazione di una serata a base di discoteca per ragazzi e famiglie: «Vogliamo provare a proporre un sabato sera diverso - spiega Simone -, una discoteca "pulita" perché ballo non significhi soltanto sballo, ma anche sano divertimento». Prossimamente al Palasampietro.

f.angelini

© riproduzione riservata