Mercoledì 29 Maggio 2013

Pioggia d'oro sulla Pro Loco
Gravedona, sindaco sotto accusa

Gravedona - Un contributo di 60mila euro alla Pro Loco di Gravedona per il 2012. Nemmeno messi assieme, gli altri 25 beneficiari - associazioni, scuole e parrocchie - hanno ricevuto tanto. E dai banchi dell'opposizione si levano voci di stupore: «Nel 2011 la Pro Loco di Gravedona aveva ricevuto dal Comune 15mila euro, una cifra già non indifferente - sottolinea il consigliere Enrico Matteri -. Nel rendiconto presentato in municipio, tra l'altro, comparivano soltanto le spese sostenute, ma non gli incassi: la sagra dei fuochi di Ferragosto, che nel 2011 è costata 17mila euro, ha consentito per esempio di introitare circa 20mila euro, visto che ognuno dei 10mila spettatori contati sul lungolago ha pagato un biglietto di 2 euro».
«Come può, un consigliere comunale, verificare se il contributo erogato dal Comune è giustificato alla luce delle sole spese? Per cifre come quella del 2012 - prosegue l'esponente di minoranza - è indispensabile consultare il bilancio completo del soggetto beneficiario, per un'ovvia questione di trasparenza. Faccio notare - prosegue - che 60mila euro equivalgono, più o meno, all'entrata garantita dall'addizionale comunale Irpef, imposta che il sottoscritto aveva chiesto di abolire e che, invece, va a finire tutta nelle casse di un'associazione. Posto che non si tratta di una scelta illegale – conclude Matteri – mi permetto anche di far notare che non è di buon gusto, a mio avviso, insediare ai vertici della Pro Loco una parente stretta del sindaco (la presidente è Caterina Bongiasca, sorella del primo cittadino Fiorenzo Bongiasca, eletta dai soci del sodalizio, ndr)».
Le manifestazioni annuali di maggior spicco rimangono sempre la Festa di Ferragosto, la mostra delle camelie e la rassegna dei presepi, ma il vicesindaco Cesare Soldarelli - cui Bongiasca delega la risposta dell'amministrazione - giustifica così il vertiginoso aumento: «Per razionalizzare abbiamo deciso di affidare alla Pro Loco tutte le attività turistiche: ne guadagna la programmazione, senza più doppioni; nella gestione è compreso l'ufficio turistico. Nel 2012 la Pro Loco ha sostenuto spese certificate per 80mila euro: il Comune le ha riconosciuto un contributo di 60mila, mentre il resto viene ammortizzato con gli incassi, che consistono per lo più nell'entrata della festa di Ferragosto. È stata sottoscritta un'apposita convenzione che a fine anno prevede un rendiconto delle spese ed eventualmente anche degli incassi».

s.ferrari

© riproduzione riservata