Martedì 07 Aprile 2009

La denuncia: una montagna di spazzatura (abusiva)

Oltre 40 quintali di spazzatura, depositata abusivamente, sono stati raccolti da Acsm nella mattinata di domenica, quando il servizio di raccolta rifiuti non dovrebbe, in teoria, essere effettuato. Lo stato di sporcizia, però, è tale che se i netturbini non intervenissero di domenica la città si sveglierebbe tra i sacchi neri della pattumiera. Tantissime le vie e piazze, non solo della periferia ma anche del centro storico, in cui vengono abbandonati sacchi e rifiuti ingombranti senza rispettare i giorni e le fasce orarie stabilite dal Comune. In via Indipendenza, nel cuore della città murata, la domenica mattina appare come una discarica: sacchi neri, contenitori di cartone e cassette di legno vuote. «Tutti rifiuti - hanno spiegato dall’ufficio stampa di palazzo Cernezzi - che sono stati abbandonati abusivamente». Stesso scenario in viale Lecco, vicino alla chiesa Sant’Orsola. In via Confalonieri a bordo strada un divano abbandonato faceva bella mostra di sé. In via Zezio ai piedi della campana per la raccolta differenziata del vetro sono stati depositati addirittura un forno guasto e un vecchio televisore. Pochi passi più in là gli uomini di Acsm Ambiente hanno rimosso una pila di casette di bottiglie vuote. Chi le ha depositate poteva benissimo inserire le bottiglie una alla volta nella campana del vetro. E ancora, in via Varesina su un muretto a lato di un marciapiede è stato rimosso un vecchio e logoro materasso. E queste sono solo alcune delle situazioni riscontrate la scorsa domenica mattina dai netturbini. «Purtroppo è la regola - spiega l’assessore all’Ambiente, Diego Peverelli - ogni domenica è la stessa storia. Interventi straordinari per evitare che la città si possa rialzare tra i rifiuti di chi non rispetta le regole. È vero che il servizio di pulizia risale come organizzazione a 15 anni fa - ammette l’assessore - ma proprio per questo occorre nel nuovo appalto potenziare e rivedere gli standard a fronte di due importanti novità: meno propensione a rispettare le regole e un aumento dei frequentatori della città». Infatti a differenza di 10 anni fa il numero di frequentatori nei week end turistici è più che raddoppiato con presenze in convalle superiori alle 20mila persone. «Da maggio - conclude l’assessore - dopo due mesi di osservazione e registrazione delle cattive pratiche, le guardie ecologiche volontarie cominceranno l’opera sanzionatoria per disincentivare l’inciviltà. Il passo successivo sarà il potenziamento del servizio per cui già quest’anno sono stati previsti 100mila euro a bilancio».

a.cavalcanti

© riproduzione riservata