Sodini: «Devo dire 6.297 grazie  E mi rimarrà un bel ricordo»
L’allenatore della Red October, Marco Sodini, durante un timeout

Sodini: «Devo dire 6.297 grazie

E mi rimarrà un bel ricordo»

Il coach della Red October dopo il derby: «La partita? Abbiamo sbattuto contro la capacità di Milano di portarci dove volevano loro»

Marco Sodini, nel post derby, rivolge un ringraziamento “collettivo”: «Devo dire 6.297 grazie. A tutti coloro che sono venuti oggi al palazzetto - afferma il coach della Red October -.. Nonostante questa partita non credo sia equiparabile a quelle che Cantù giocò qui in Eurolega, sicuramente dal punto di vista emozionale è stata su quei livelli. Apprezzo molto tutto quello che ci ha circondato, e sicuramente rimarrà per me un ottimo ricordo della cornice di questa serata».

Poi Sodini passa a parlare «del campo: obiettivamente sappiamo che la qualità complessiva dei giocatori di Milano è diversa da quella della nostra squadra, non era sicuramente possibile pensare di ripetere l’impresa di Coppa Italia. Pure se ho detto ad Andrea Cinciarini che è stato lui a risvegliare la loro anima nelle ultime nove partite, altrimenti magari un pensiero in più lo avremmo potuto fare».

E poi il coach continua: «Noi passiamo per una squadra che “non molla mai”, ed è vero. Ma oggi abbiamo sbattuto contro la capacità di Milano di portarci dove volevano loro. Non ci dobbiamo dimenticare che nell’arco dei 40’ la produzione di basket di Milano è stata superiore alla nostra. Ora sta a noi tenere lo stesso atteggiamento nelle partite che ci rimangono. Affronteremo squadre con un record peggiore del nostro, ma sono confronti da non sottovalutare affatto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA