«Tre partite in otto giorni
Dopo il Covid, non ci aiuta»

Domani per Cantù il recupero a Treviso: il rilievo del gm Della Fiori.

«Tre partite in otto giorni Dopo il Covid, non ci aiuta»
La S.Bernardo attorno al coach

BASKET

«Tra meno di tre giorni saremo di nuovo in campo, mentre avremmo preferito evitare il turno di recupero infrasettimanale per avere una settimana piena di allenamenti e cercare di tornare alla normalità, ma non è stato possibile. Giocare tre partite in otto giorni dopo il fermo dovuto al Covid, di certo non ci aiuta. Bisogna comunque guardare avanti». La dichiarazione del general manager Daniele Della Fiori nel post partita di domenica non presenta passaggi di polemica manifesta, eppure rappresenta un disagio.

Perché Cantù non si attendeva di essere richiamata sul parquet già domani per recuperare a Treviso il match rinviato con la De’ Longhi. O meglio, si aspettava di venir precettata solo qualora non avesse giocato domenica con Milano, ipotesi che a metà della scorsa settimana sembrava farsi sempre più concreta.

Al contrario, dovrà sostenere tre incontri in otto giorni con la consapevolezza di non avere nelle gambe le forze che sarebbero richieste per affrontare un trittico tanto ravvicinato (domenica a Desio la visita di Roma). Insomma, si sarebbe attesa di venir trattata con maggior riguardo, anche perché la situazione che si è determinata in queste ultime settimane non è certo per palese responsabilità del club.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True