Mercoledì 23 Novembre 2011

Vorrei pagare il bollo auto: non ci riesco

Sono indignato, come contribuente, per il fatto che oltre ad aver difficoltà, una volta pagato il bollo, a dimostrare la propria ragione, vi è difficoltà anche per pagarlo, questo bollo. A metà ottobre acquisto un'auto usata presso un concessionario, in esenzione di bollo. Mi reco all'Aci (sportello periferico) e lì dicono che la pratica è stata attivata, ma non completata. Mi dicono di rivolgermi a [email protected]. Tra il 1° novembre ed il 17 mando 5 mail, senza risposta. Telefono al numero verde e la risposta è che non possono ricevere mail superiori ai 6MB (3 foto, per intenderci) rimando 3 mail "alleggerite" lo stesso giorno, ma niente.
Al telefono mi invitano a recarmi allo sportello di via Einaudi, ma per questioni di orari mi è difficile prima di mercoledì (giorno di apertura continuata). Oggi leggo sul quotidiano che l'indirizzo di posta elettronica è [email protected] . Ma è mai possibile che questi enti si divertano a depistare anche chi vuol pagare? Quei "furbetti" non è che sono persone che, avendo esaurito le energie nel sottobosco burocratico, hanno mandato gli enti in oggetto a quel paese? Ho usato l'indirizzo mail da voi indicato, e se non dovessi ricevere risposta, mi recherò anche in via Einaudi... ma se avessi 80 anni anzichè 50, come farei?

Mario Rottigni
Como

Comprendo il suo sfogo perché, in materia di bolli auto, da anni si ripete la stessa telenovela. Purtroppo la sintesi giornalistica della titolazione fa d'ogni erba un fascio e definisce "furbetti" tutti i destinatari delle contravvenzioni, senza distinguere.
 In realtà sappiamo bene, per precedenti esperienze, che gran parte dei guai in arrivo va a sanzionare piccoli errori formali. Ma sempre di guai si tratta, perché anche chi ha pagato è chiamato a dare dimostrazione dell'avvenuto versamento. E, come lei ci testimonia, sono dolori. Coraggio, non si perda d'animo: al Pirellone ci leggono. Spero che anche la sua pratica venga risolta.


Pier Angelo Marengo
[email protected]

p.marengo

© riproduzione riservata

Tags