Lunedì 01 Febbraio 2010

Unico negozio del paese
Pane finito alle 11.30

PROSERPIO Alle 11.30 era già finito il pane. Segno che il negozio ci voleva dopo tre anni senza neanche un buco dove andare a comperare un panino (o un bottone, o un un arancio o qualunque altra cosa di commestibile o non). Ora invece è arrivato un panificio con annesso alimentari: dalla scatola di tonno ai pelati, dalla bibita ai lumini. Ad aprire una struttura a Proserpio ci ha pensato un ragazzo di 21 anni di Magreglio, Alessandro Fagioli, ed è arrivato alla struttura grazie ad un articolo apparso in queste pagine, un appello del sindaco Elisabetta Fontana che chiedeva a qualcuno di rilevare lo spazio sulla piazza del comune.
«Avevo intenzione di cambiare lavoro, ero un muratore – spiega Fagioli -. Avendo frequentato la scuola di panificatore è stato logico cercare di capire se si poteva aprire in paese. Con diversi ritardi, dovuti soprattutto all’azienda fornitrice dell’energia elettrica, ho inaugurato ieri».
Un’inaugurazione del piccolo negozio molto partecipata. Se il buon giorno si vede dal mattino: «Davvero non mi sarei mai aspettato un afflusso simile, sono molto soddisfatto, speriamo di proseguire in questa direzione»,  raccontava Fagioli ieri alle 10 e 30.
Un piccolo negozio e molta voglia di farlo funzionare per il ventunenne di Magreglio che ha creduto in questa idea, dopo troppi anni senza esercizi per il paese: «Il negozio vende principalmente pane artigianale, ma abbiamo anche diversi altri prodotti. Si è fatta una valutazione notando che non ci sono altre strutture simili nelle vicinanze. In ogni caso per ora nessuno ci ha dato una mano per aprire, ci siamo dovuti accollare tutte le spese».
Il primo cittadino Elisabetta Fontana si aspetta che gli abitanti dell’area lo aiutino a tenere aperto passando il più speso possibile da lui: «Lui si è impegnato e si è assunto il rischio di aprire, ora mi aspetto che i miei cittadini e anche quelli dei paesi limitrofi lo sostengano – spiega -. Spesso ho sentito delle lamentele per l’assenza di un esercizio, ora c’è e dobbiamo cercare tutti insieme di sostenerlo».
Per il sindaco l’alimentari servirà a rivitalizzare il paese: «Sono molto contenta di questa apertura, ci voleva proprio. Per Proserpio è importantissimo avere un esercizio di questo tipo, anche per le molte persone non più giovani, che avranno modo di fare la spesa facendo pochi passi».
Anche la presidentessa della Pro loco, Lucia Fontana, plaude all’iniziativa: «Sarà importante per il paese e anche per noi, che potremo contare per le manifestazioni su un panificio con cui collaborare. Resta l’augurio di vedere funzionare l’esercizio per molto tempo».
Giovanni Cristiani

a.savini

© riproduzione riservata