Mercoledì 13 Ottobre 2010

Mariano: il bus cambia orario
Al "Monnet" si va per tempo

MARIANO  Il bastone e la carota. Dopo il provvedimento di settimana scorsa di Asf Autolinee che ha reso ancora più disagevole la prima corsa del mattino agli studenti del Jean Monnet in partenza da Perticato (anticipata di 5 minuti, dalle 7,05 alle 7) costringendo così i ragazzi ad attese ancora più lunghe davanti ai cancelli ancora chiusi della scuola superiore di via Santa Caterina da Siena, da domani entrano in vigore delle modifiche che dovrebbero riuscire a garantire agli studenti di arrivare in classe proprio in coincidenza del suono della prima campanella delle 8. Il condizionale è d'obbligo perché i provvedimenti presi sulla carta dovranno poi fare i conti con i tempi effettivi di percorrenza del pullman alle prese, in quella fascia oraria, con il traffico di massima punta legato all'inizio delle attività anche nelle realtà produttive e nelle scuole di grado minore. A fare la differenza saranno 12 minuti in quanto la corsa della linea C81 in partenza dal capolinea della frazione cittadina alla 7,57, è stata anticipata alle 7,45, ma solo nei prossimi giorni sarà davvero possibile testare se il provvedimento adottato dall'azienda di trasporti pubblici, per risolvere i problemi che si sono verificati quest'anno con la rivoluzione degli orari scolastici applicati da numerosi istituti della provincia di Como in seguito alla riforma Gelmini, saranno stati veramente efficaci. In breve solo le prossime ore, fatto salvo un breve periodo di assestamento iniziale cui si potrà concedere delle minime attenuanti, diranno se Asf Autolinee riuscirà a portare in tempo a scuola i ragazzi in partenza da Perticato o se nemmeno questo anticipo consentirà loro di arrivare in tempo per l'inizio delle lezioni. I cambiamenti, però, non sono stati studiati solo in questa direzione, ma anche nel senso opposto: vale a dire che, sempre per quanto riguarda la linea C81, la corsa n. 8108 delle 7,16 in partenza da Cantù per Perticato è stata anticipata alle 7,10: in teoria i ragazzi dovrebbero arrivare a scuola alle 7,36, ma considerato il traffico che si incontra sul quel tratto in quell'orario, è più realistico ipotizzare che i ragazzi scenderanno dal pullman appena in tempo per il suono della prima campanella. Altre novità sono previste, sempre da domani, anche sulla linea C80, la Cantù-Vighizzolo-Monza: il provvedimento interessa la corsa n. 8026 delle 7,15 da Cantù (con partenza da viale Madonna) verso Mariano Comense che sarà posticipata alle 7,20 creando così un'alternativa alla corsa della C81 delle 7,10; infine la corsa n. 8015 delle 7,40 da Mariano Comense verso Cantù sarà posticipata alle ore 7,45. Per cercare di risolvere tutti i problemi che si sono verificati in provincia di Como in riferimento alle corse scolastiche, l'Asf Autolinee nelle ultime tre settimane ha adottato oltre una cinquantina di provvedimenti tanto che ormai per l'utente consultare l'orario delle corse è diventata un'impresa titanica. I libretti già stampati con l'orario invernale, infatti, non sono più attendibili proprio per le correzioni apportate e tanto meno ha senso consultare – dove ci sono – le tabelle affisse alle fermate delle varie linee per lo stesso motivo. L'unico modo per cercare di tenersi aggiornati e di capire anche come e dove sono cambiate le coincidenze ed eventualmente i percorsi (anche questo è stato fatto) è consultare il sito www.asfautolinee.it.

l.barocco

© riproduzione riservata