Mercoledì 06 Aprile 2011

Olgiate, "sfrattati" i rom
Vivevano in una capanna

OLGIATE COMASCO - A volte ritornano. E' il caso del gruppo di romeni di etnia rom, che sfrattati dall'improvvisato ricovero che si erano ritagliati nell'ex deposito di sale dell'Amministrazione provinciale - smantellato a metà marzo – ne hanno ricavato un'altro, ancor più precario, tra i rovi lungo via Martinelli. Che hanno dovuto abbandonare lunedì a seguito dell'intervento dei carabinieri e della polizia locale. A neanche cento metri dall'ex deposito della Provincia, i rom si erano accampati, trovando riparo sotto coperte allestite a mo' di tende tra frasche e rovi. Una dimora di fortuna con tanto di giacigli, indumenti, coperte, radio, resti di cibo e sporcizia diffusa, dove sono stati rinvenuti due uomini e una donna. Sono stati identificati e poi allontanati; hanno rifiutato la disponibilità dell'assistente sociale del Comune a trovare loro una sistemazione provvisoria più decorosa. Facevano parte dello stesso gruppo di rom che a metà marzo era stato individuato nell'ex deposito di sale, ma stavolta non è stata riscontrata la presenza di alcun minore come invece era accaduto nel precedente “blitz” della polizia locale.

m.schiani

© riproduzione riservata