Martedì 04 Ottobre 2011

Torello in fuga fa disastri
alle Poste di Castiglione

CASTIGLIONE D'INTELVI Tenta di sfuggire alla macellazione cercando una via di fuga ed entra di forza nell'ufficio postale ubicato al primo piano sopra il mattatoio. Singolare incursione ieri poco prima delle tredici di un vitellone di grossa taglia, che dopo essersi liberato dalle corde e divincolato dai macellai che lo stavano scaricando dal camion lo stavano conducendo alla morte.

L'animale ha divelto a colpi di corna la porta d'ingresso dell'ufficio e ha puntato diritto verso il pilone centrale dove lavorano postini ed operatori, provocando danni alla struttura muraria e ai casellari dove vengono smistate lettere e cartoline prima  di essere consegnate.

Non sono stati rilevati danni alle apparecchiature informatiche. Risultano invece essere state danneggiate alcune lettere, conservate in un casellario imbrattato dagli escrementi dell'animale.

Al momento dell'irruzione, nell'uffcio si trovavano il direttore, Sergio Corrente, e due suoi collaboratori. Uno di loro, Corrado Marone, nel tentativo di fuggire alla furia dell'animale è scivolato, cadendo sul pavimento dell'ingresso e procurandosi una contusione all'avambraccio destro.
Il direttore è riuscito invece a barricarsi dentro il suo ufficio fino a quando l'animale non è stato recuperato, immobilizzato e condotto al mattatoio, dove poi è stato macellato.

Sul posto, per i rilievi, sono arrivati i carabinieri della caserma di Lanzo d'Intelvi, allertati dalla centrale operativa, chiamata dagli addetti delle Poste che hanno sentito il funzionario, gli impiegati e lo stesso macellaio per accertare la dinamica dei fatti e relazionare sull'accaduto.

Nel nuovo centro di smistamento delle Poste della Val d'Intelvi e del Centro Lario lavorano una quindicina di addetti, la maggior parte dei quali tutti postini che durante il fatto, fortunatamente, si trovavano ancora nelle zone di recapito per la consegna della posta. Questo ha evitato sicuramente un bilancio molto più pesante.

L'esatta stima dell'ammontare dei danni provocati dall'animale, nei prossimi giorni, sarà a cura dei tecnici delle Poste che arriveranno da Milano per un sopralluogo. Già oggi, dopo un'accurata pulizia e sistemazione dei locali, tutti i portalettere saranno al loro posto e la consegna della corrispondenza non dovrebbe subire ritardi.


Leggi l'approfondimento nell'edizione de La Provincia in edicola martedì 4 ottobre

m.delsordo

© riproduzione riservata