Venerdì 14 Settembre 2012

Tenta di raggirare un anziano
Finisce in manette a Saronno

SARONNO Fermato casualmente perché parlava al telefonino mentre era alla guida, pochi minuti dopo aver cercato di fregare 1.900 euro a un anziano di 85 anni. Ciro Diana, 40 anni, residente a Portici (Napoli) e domiciliato a Melegnano (Milano), non è un volto sconosciuto alle forze dell'ordine. Nei giorni scorsi lo hanno arrestato per tentata truffa, con l'aggravante di aver agito ai danni di una persona anziana.

«Mai dare retta agli estranei, soprattutto quando vi chiedono soldi». Una raccomandazione ripetuta più e più volte dalle forze dell'ordine agli anziani, spesso avvicinati da malintenzionati che non vogliono altro che raggirare il prossimo.

Fuori da un supermercato
Un uomo di 85 anni, uscendo dal supermercato di via Monte Grappa, vicino a casa, è stato avvicinato dal campano, che si trovava a bordo della sua Smart. «Salve, sono un caro amico di suo figlio» - ha attaccato Ciro Diana - «Ci siamo messi d'accordo perché devo pagargli urgentemente l'assicurazione».

L'uomo ha così chiesto all'anziano di dargli 1900 euro in contanti. Lui non li aveva e si è fatto accompagnare a casa per prendere un assegno.

L'intervento della famiglia
Diana ha accompagnato l'anziano in banca per cambiare l'assegno, ma proprio sul più bello, quando l'uomo stava uscendo dall'istituto di credito per consegnare i soldi in contanti, è stato raggiunto dalle urla del figlio: «Papà, fermati!». L'uomo, un commerciante di 60 anni, era stato avvisato dalla madre: il marito le aveva per fortuna accennato che cosa stesse andando a fare in banca.

«Mai dare retta agli estranei, soprattutto quando vi chiedono soldi». Alla donna sono tornate in mente le parole ascoltate tante volte dalle forze dell'ordine e ha così allertato il figlio. Il truffatore è subito salito in auto ed è fuggito, vedendo sfumare il suo affare quando gli sembrava di avere già i soldi in mano.

Si era davanti al municipio e, appena svoltato l'angolo, l'uomo si è visto davanti la paletta rossa dei vigili urbani. Volevano dargli una bella multa perché parlava al telefonino mentre stava guidando. Nel frattempo è arrivata una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri.

Da successivi accertamenti militari del gruppo di Varese hanno anche scoperto che non era la prima volta che l'uomo provava a truffare persone anziane. A suo carico diversi precedenti specifici.

L'uomo era in trasferta a Saronno per i suoi affari fraudolenti. Ora si trova nel carcere di Busto Arsizio, a disposizione del magistrato di turno, Maria Cristina Ria.
                                                                                      Tiziano Scolari

m.delsordo

© riproduzione riservata