Sabato 09 Maggio 2009

Capatti non demorde:
"Sì, mi candido a sindaco"

MONTANO LUCINO - È ufficiale: Ermanno Capatti si ricandida a sindaco. Lo fa con una civica di ispirazione moderata, “Decidere e fare”. Dopo l’ipotesi, a fine marzo, di una sua nuova candidatura, e le reazioni da parte di Umberto Cairoli – responsabile di zona della Lega Nord – e di 22 concittadini che gli hanno indirizzato una lettera aperta, l’ex sindaco - già condannato per abusi sessuali all’Ipsia Ripamonti di Como - si ripresenta così a una nuova tornata elettorale dopo 10 anni dall’ultima sfida, allora vinta. Alle critiche che gli sono state rivolte, risponde così: «Mi ha amareggiato la forma che è stata usata; avrei preferito che mi si telefonasse, per parlarmi»; e aggiunge che proprio quella lettera ha convinto due o tre persone a candidarsi con lui. «Avrei incontrato con piacere alcuni dei sottoscrittori. Non ce l’ho con loro; tengo ai rapporti umani e cerco di preservarli; l’ultimo mio intento è dividere». Di altro tipo la replica alle esternazioni del responsabile della Lega: «I colpi bassi in politica sono consentiti; poi è una questione di stile».

m.schiani

© riproduzione riservata