Mercoledì 27 Maggio 2009

Morto il marchese Roi
Villa Fogazzaro al Fai

VALSOLDA La Valsolda piange la scomparsa del marchese Giuseppe Roi, esponente di una nobile famiglia che molto ha dato alla Valsolda. E la notizia che già da tempo rimbalzava, cioè che i suoi beni sul Ceresio, tra cui anche Villa Fogazzaro di Oria, potessero finire al Fai (Fondo per l’ambiente italiano), diventa di grande attualità. Roi, 85anni, è morto a Vicenza, sua città natale e i funerali si svolgeranno questa mattina nella città veneta. Discendente di una famiglia che ha dimostrato di amare la Valsolda, era nipote di quell’Antonio Roi che nel 1946, grazie a una cospicua donazione in denaro, consentì un sostanziale ampliamento dell’ospedale Renaldi, per tanti decenni punto di riferimento per il territorio: un padiglione del nosocomio era stato intitolato al benefattore. «La famiglia Roi ha sempre voluto un gran bene alla Valsolda – conferma il sindaco, Alberto De Maria – . Per fare un altro esempio, l’asilo che ha frequentato anche il sottoscritto è stato mantenuto proprio dai marchesi Roi». Per Giuseppe Roi l’amministrazione aveva pronta fin dallo scorso anno la cittadinanza onoraria, ma proprio a causa di problemi di salute il conferimento era stato rimandato.
«Siamo tutti dispiaciuti di non aver potuto esprimergli l’omaggio del paese in forma ufficiale - afferma De Maria - ma sono certo che in cuor suo sapesse di trovare sempre e comunque un’ottima accoglienza da noi. Trascorreva sempre ad Oria il mese d’agosto, ma lo si vedeva anche in altri periodi dell’anno». Una vita tra Vicenza e il Piccolo mondo antico, proprio il Fogazzaro, del quale era discendente. Gianpiero Riva

a.savini

© riproduzione riservata