Giovedì 28 Maggio 2009

Parroco in pausa
paese senza Grest

MONTORFANO Da lunedì prossimo, don Italo Brumana non sarà più il parroco di Montorfano. Arrivato in paese agli inizi degli anni 80, il sacerdote ha deciso di dire basta, chiedendo un paio di mesi di sospensione prima di tornare con mansioni meno importanti. A pesare su don Italo, infatti, ci sono le responsabilità, grandi, della sua comunità, un ruolo fatto di ascolto, di intervento in prima persona e di sostegno che certo l’ha segnato nel corso del tempo, fino alla decisione di chiedere una pausa dopo 28 anni.
«Dopo tanti anni – dice – sono stanco. Ho chiesto io di potere avere questa pausa di riflessione, così da meditare e pregare in solitudine». Chiesa, oratorio e quant’altro fa riferimento alla parrocchia passeranno nelle mani del delegato vescovile, don Aldo Redaelli che, parroco di San Fermo, si occuperà anche della gestione ordinaria della comunità montorfanese, con tutto il carico di responsabilità che ne consegue. Per don Italo, come detto, «un paio di mesi di montagna» all’ombra di quel Resegone che l’ha visto nascere, crescere e scoprire la vocazione. In mancanza di un parroco stabile, però, il Grest salta, con il risultato che decine di bambini dovranno trovare una soluzione diversa.
Alberto Gaffuri

a.savini

© riproduzione riservata