Allarme furti in casa  con la “chiave bulgara”
Allarme furti con la chiave bulgara (Foto by i)

Allarme furti in casa

con la “chiave bulgara”

Si chiama così perché sembra che fosse un metodo utilizzato dalle spie bulgare ai tempi della Guerra Fredda per introdursi nelle case dei “nemici”.

L’allarme sulla sicurezza delle nostre abitazioni è un problema crescente, il numero di furti continua ad aumentare. I ladri sono sempre più abili grazie anche ad un nuovo metodo chiamato chiave bulgara per forzare le serrature anche di porte blindate. Si chiama grimaldello bulgaro perché sembra che fosse un metodo utilizzato dalle spie bulgare ai tempi della Guerra Fredda per introdursi nelle case dei “nemici”. Grazie a questo espediente si riesce a duplicare la chiave originale e ad aprire la serratura senza dovere forzarla, ma vediamo più nel dettaglio come funziona. Il grimaldello bulgaro consiste di una chiave “morbida”, cioè la chiave che legge i codici della serratura, ed un secondo strumento detto “tensore” su cui si copia la forma della serratura ruotandola con pochi gesti. In una seconda fase grazie ad un tornio si ricava un duplicato della chiave originale che consente di entrare in casa come fossimo i proprietari. I ladri più esperti possono introdurre nella serratura anche piccole telecamere in grado di consentirgli di ottenere una chiave duplicata ancora più simile all’originale. Vorrei precisare che sul web girano diversi tutorial su come fabbricarsi la chiave bulgara e chiunque può diventare capace di procurarsene una.

MA come possiamo difenderci dal furto con la chiave bulgara? Secondo gli esperti, la miglior cosa è cambiare le serrature scegliendo prodotti di ultima generazione, con chiavi piatte e codificate, che possono essere replicate solo con l’originale. Sono infatti più a rischio le serrature fatte prima il 2011, di solito serrature a doppia mappa.

Ci sono anche dei metodi fai da te: su ebay è possibile trovare diversi kit anti chiave bulgara, che bloccherebbero le serrature e impedirebbero il funzionamento.

Già da qualche tempo i professionisti del settore, hanno escogitato un metodo per difendersi dalla chiave bulgara chiamato Cerbero, un congegno elettro-meccanico capace di corazzare ogni tipo di serratura. Viene azionato attraverso un telecomando, blocca il sistema impedendo ai pistoni di girare e finché non si sblocca nemmeno la chiave del proprietario è in grado di aprire la porta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA