Bormio, aperta la tangenzialina «È soltanto il primo passo»
La tangenzialina di Santa Lucia, in Valdisotto, ribattezzata statale 38 var “A”, importante snodo viabilistico per l’Alta Valle

Bormio, aperta la tangenzialina
«È soltanto il primo passo»

Le auto in transito da e per Livigno potranno superare il centro di Bormio e ridurre l’inquinamento.

Da oggi è ufficialmente aperta al transito la tangenzialina di Santa Lucia, in Valdisotto, la statale 38 var “A”, l’importante snodo viabilistico che permette alle autovetture in transito da e per Livigno di bypassare il centro di Bormio. «L’impegno preso, in maniera condivisa, di consegnare al territorio un’opera così importante, è stato mantenuto e oggi questo tratto di strada viene aperto e reso disponibile innanzitutto per i cittadini di questo territorio, di Bormio, dell’Alta Valtellina, di Livigno e per i tanti turisti che vengono a trovarci».

Ha esordito così, all’inaugurazione, Luca Della Bitta, presidente della provincia di Sondrio, ente che ha portato avanti la fase di realizzazione dell’opera costata circa 40 milioni di euro, 30 dei quali provenienti dalla legge 166/2002, 7 milioni e 230 mila euro da Anas e 3 milioni e 390 mila dal comune di Livigno. «È stato un percorso lungo - ha sottolineato Della Bitta -, un primo passo al quale dovranno seguirne altri, sui quali tutti gli enti sono impegnati per portare avanti le fasi sia di progettazione che di realizzazione. È certamente un segnale positivo in un momento in cui le inaugurazioni di opere non sono così frequenti soprattutto per la carenza di fondi. È un segnale di speranza anche per tutta la provincia. Con orgoglio – ha evidenziato – porgo un ringraziamento a tutti gli enti e i rappresentanti che hanno reso possibile quest’iniziativa; grazie anche ai progettisti, alle imprese che hanno lavorato – dagli operai ai responsabili tecnici – e da ultimo, ma non per importanza, ad Anas perché quest’opera, da oggi, è consegnata ad Anas, segno di una collaborazione tra enti che funziona e permette di arrivare a risultati che il territorio si attende».


© RIPRODUZIONE RISERVATA