Mercoledì 03 Luglio 2013

Apre gli occhi in piena notte

E trova un ladro accanto al letto

Lei, Maria Luisa Pozzoli, tabaccaia, ricorda di aver urlato. Il ladro avrebbe anche messo l’indice sulle proprie labbra per chiederle di fare silenzio. Prima di allontanarsi con tutto l’oro insieme ad altri due complici.

Aveva già subito un’aggressione nel 2010, quando, sulla porta di un’altra casa di sua proprietà, fu accoltellata con alcuni fendenti al collo da un uomo in taglierino e passamontagna.

L’incursione, secondo capitolo personale delle sfortune della donna - del tutto scollegato al primo episodio - è avvenuta nella notte tra venerdì e sabato, quando non era ancora l’alba.

La Pozzoli, proprietaria del bar Il Cortile di via Montebello, e della casa in via IV Novembre, si è svegliata per alcuni rumori. «Non è stato piacevole - afferma - io posso dire che non ne posso più. E l’Italia, come paese, è alla canna del gas. Mi sono svegliata, e in casa mia c’erano almeno tre persone. Non tutti e tre nella mia camera. Io, quando ho aperto gli occhi, ne ho vista proprio una di fianco al letto. Sentivo alcuni rumori, ho pensato che qualcosa non andasse. Ero in dormiveglia. Non so se abbiano spruzzato qualcosa: per tutto il giorno ho avuto il mal di testa. So che mi sono spaventata così tanto che ricordo a fatica di aver urlato per quello che stava succedendo nella mia camera».

Difficile stimare il bottino. «Hanno rubato tutto l’oro che c’era in casa. Ma non so quantificare il valore. Si sono portati via tutto». Quanto è sparito dalla cassaforte, presumibilmente,vale svariate migliaia di euro. Una vicenda su cui indagano i carabinieri, per provare a risalire agli autori dell’effrazione con incontro ravvicinato.

Leggi il servizio completo su La Provincia in edicola oggi

.

© riproduzione riservata