Lunedì 10 Marzo 2014

BIMBE UCCISE DALLA MAMMA

L’autopsia oggi pomeriggio

Lecco sotto choc per la strage in famiglia

E’ tornato a casa per condividere il dolore con i suoi famigliari Bashkim Dobrushi, l’operaio albanese che ha saputo nella sua terra natale della morte delle sue tre figlie, uccise in casa dalla madre, a Lecco.

L’uomo è rientrato in Italia con un volo da Tirana a Malpensa ed è tornato nella tarda serata di domenica nella frazione di Chiuso. Ha dormito a casa del fratello da cui abita in quanto in corso di separazione dalla moglie, a poche centinaia di metri dal luogo della tragedia. I carabinieri di Lecco hanno «rispettato il suo dolore» e hanno preferito non ascoltarlo subito. L’uomo verrà sentito in queste ore in un luogo protetto, per capire bene quale fosse la situazione tra lui e la moglie, arrestata ieri dopo aver confessato il triplice delitto.

Intanto, le condizioni di Edlira Copa, la mamma di 37 anni che ha ucciso le sue tre bambine, sono stazionarie. E’ sempre ricoverata in Rianimazione all’ospedale di Lecco in via precauzionale, per le ferite autoinferte dopo l’assassinio delle due tre bambine, in particolare quella all’addome, che più preoccupava i medici. Ma non è in pericolo di vita, non lo è masi stata. Resterà in osservazione nel reparto di Rianimazione sicuramente per qualche giorno ancora, poi si vedrà. Da capire, infatti, la misura che chiederà per lei il pubblico ministero Silvia Zannini, titolare del fascicolo d’inchiesta per triplice omicidio volontario aggravato dai rapporti di parentela, anche se è molto probabile la misura cautelare in carcere, nel momento in cui sarà in grado di uscire dall’ospedale.

Oggi pomeriggio l’autopsia sulle tre bambine, la eseguirà all’ospedale cittadino l’anatomopatologo Paolo Tricomi che già ieri ha effettuato l’esame esterno sui corpicini.

© riproduzione riservata