Bregnano commemora Dubini  il carabiniere trucidato a Napoli
Un momento della cerimonia

Bregnano commemora Dubini

il carabiniere trucidato a Napoli

Ucciso nel 1943 con altri tredici militari dell’Arma. Autorità civili e militari

Commemorazione a Bregnano dell’eccidio dei Carabinieri della Stazione Napoli Porto del 13 settembre 1943, che vide coinvolti, tra i 14 militari che furono trucidati con colpi di mitragliatrice. Tra loro c’era, per l’appunto, la Medaglia d’Argento al Valor Militare Domenico Dubini, originario di Bregnano, a cui è dedicata la medesima via presso il quale, lo scorso 25 aprile, è stato inaugurato un cippo commemorativo a Lui dedicato.

Erano presenti i familiari del militare, le autorità militari e civili della Provincia, quali il Comandante Provinciale dei Carabinieri Colonnello Andrea Torzani, il Questore di Como Giuseppe De Angelis, i sindaci di Bregnano e Appiano Gentile, i Comandanti della Compagnia carabinieri di Cantù, capitano Francesco Coratti, e della stazione di Cermenate, LgTen Paolo Gemelli, di rappresentanze delle varie sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri (dirette Coordinatore Provinciale Carlo Colombo) e della Polizia Locale.

Di seguito i 14 Carabinieri che persero la vita: il Carabiniere Domenico Dubini, il brigadiere Giuseppe Lombardi, l’appuntato Emilio Immaturo, i carabinieri Ciro Alvino, Antonio Carbone, Giuseppe Covino, Michele Covino, Nicola Cusatis, Domenico Franco, Aldo Lazzaroni, Emilio Scala, Giuseppe Manzo Martino, Giuseppe Pagliuca, Giuseppe Ricca e Giovanni Russo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA