Giovedì 08 Maggio 2014

Registro elettronico al liceo
Ai genitori non piace

La schermata iniziale di accesso al registro elettronico del liceo “Enrico Fermi”

Con Internet che fa la spia, bigiare al liceo Fermi è diventato impossibile. Idem per i voti delle interrogazioni e dei compiti in classe: il registro elettronico, che da settembre soppianterà definitivamente il prozio cartaceo, riferisce a mamma e papà come è andata l’interrogazione di latino, con l’eventuale quattro segnato dal prof direttamente dal computer di classe.

Ma, nonostante la novità, ci sono anche genitori che preferiscono il metodo più difficile: essere informati direttamente dai figli sull’andamento scolastico. Alcuni di loro hanno così deciso di non ritirare la password per accedere al sistema. E riporre la massima fiducia nel dialogo tra le generazioni.

A riferire le novità è Erminia Colombo, il dirigente scolastico della scuola superiore di via Giovanni XXIII, dove si sta pensando anche di sostituire qualche computer ed acquistare nuove lavagne multimediali. «Il registro elettronico è stato introdotto in via sperimentale a partire da quest’anno e, da settembre, sostituirà a tutti gli effetti il registro cartaceo».

© riproduzione riservata