Giovedì 06 Marzo 2014

Capannoni fantasma a Cantù

Tutti assolti i comaschi

Via dei Pizzi: qui si simulava il transito di tonnellate di materiali ferrosi
(Foto by archivio)

Metalli che figuravano in viaggio anche su ambulanze e carri funebri. Con alcuni trasporti, sulla carta, partiti a tonnellate da un semplice ufficio in via dei Pizzi, dove quattro ditte, Rec Metal, Commetal, Mdf e Cma, avevano sede.

Una stradina stretta a fianco del municipio di Cantù, inconciliabile con capannoni e Tir. Per gli 85 milioni di euro su cui è stato evaso il fisco, così come contestato a dieci imputati, sono arrivate condanne di primo grado, per nove anni complessivi di reclusione, nei confronti di quattro dei rinviati a giudizio, tutti residenti nelle province di Monza e Milano. Assolti perché il fatto non sussiste gli imprenditori del territorio.

© riproduzione riservata