Sabato 17 Maggio 2014

Castiglione, spray tossico sul volto
Famiglia rapinata da finti operai

L’azienda agricola Abate, teatro della rapina

Per mettere a segno il colpo hanno usato uno spray tossico, i due malviventi, un uomo e una donna, che nella tarda mattinata di giovedì si sono introdotti all’interno dell’azienda agricola della famiglia Abate .

Si sono qualificati come addetti alla manutenzione dell’acquedotto. Hanno chiesto di poter aprire i rubinetti dell’acqua, simulando le verifiche alle tubazioni.

Poi, una volta acquisita la fiducia della patrona di casa, sono passati all’azione spruzzando uno spray che le ha provocato problemi di respirazione.

Intanto il complice si era portato all’interno dell’abitazione rovistando nei cassetti delle stanze. Ingente il bottino, tra oro e danaro contante. Spariti gli incassi della vendita di latte e formaggi , i risparmi della pensione, i ricordi affettivi di famiglia e alcuni assegni, 0oltre ai telefoni e al cordless, sottratti per impedire di dare l’allarme.

© riproduzione riservata