Clonano i telefoni e ti svuotano il conto  «Ecco come mi sono salvato dalla truffa»
Si moltiplicano le denunce in polizia per la truffa del cosiddetto “sim swap” (Foto by foto butti)

Clonano i telefoni e ti svuotano il conto

«Ecco come mi sono salvato dalla truffa»

Hacker ruba il numero della moglie di un comasco per accedere alla banca on line. «Una frode congegnata benissimo. Sono stato a un millimetro da farmi rubare tutto quanto»

Carlo ha la voce di chi è tante cose, ma non certo uno sprovveduto. «Eppure sono stato a un passo da farmi truffare. Poi, non so come, ho intuito che qualcosa non andava. E mi sono salvato». Lui sì, decine di altri comaschi no.

Lui sì, decine di altri comaschi no. Carlo Iato racconta la sua esperienza con lo “sim swapping” la - relativamente - nuova frontiera delle truffe telematiche e, in questi ultimi mesi, pare aver preso di mira il territorio comasco, dove le denunce si stanno moltiplicando. «Tutto è iniziato con l’acquisto di un telefonino Samsung - attacca -. Lo compro su Amazon e quando lo accendo noto che il sistema operativo impiega cinque minuti a entrare in funzione». Poi una serie di telefonate strane, messaggi whatspp e richieste di cambio di password da sedicenti operatori bancari.

Carlo si è salvato. Non è andata così bene ad altri comaschi vittime di questo sistema truffaldino.

I DETTAGLI DELLA TRUFFA SU LA PROVINCIA IN EDICOLA IL 22 SETTEMBRE

O QUI: https://edicoladigitale.laprovinciadicomo.it/provinciaspa/newsstand/title/como


© RIPRODUZIONE RISERVATA