Covid: la Svizzera
ferma i treni per l’Italia

Stop da giovedì anche al Tilo. La misura in vigore fino al 17 gennaio

Covid: la Svizzera ferma i treni per l’Italia
Stop ai treni svizzeri

La Svizzera è alle prese con una impennata di nuovi casi di Covid, particolarmente significativa nel Canton Ticino. Per questo, oltre ad introdurre nuove misure restrittive, come il coprifuoco notturno, ha stabilito di fermare i treni in partenza per l’Italia e di sospendere il transito dei convogli internazionali fino al prossimo 17 gennaio. La decisione, spiegano le Ferrovie Federali svizzere, è stata presa non essendo in grado di far rispettare alcune norme anti contagio richieste dalle autorità italiane, con possibili gravi ripercussioni sul movimento dei lavoratori pendolari lungo il confine tra Lombardia, in particolare con le province di Como e Varese, e Ticino, dove l’incide di contagio è salito alle stelle. Ma indicazioni più chiare arriveranno solo nelle prossime ore da parte dell’azienda elvetica. Stop anche ai Tilo.

In Ticino il tasso di positività dei tamponi resta altissimo, il 22% contro il 16,3 dell’intera Svizzera. Il che ha imposto di correre ai ripari. Tra i provvedimenti, i bar chiuderanno alle 19, i ristoranti alle 22. Stessa cosa dovranno fare casinò, sale bingo, night club e case per appuntamenti a luci rosse. «La situazione non è soddisfacente, c’è pressione sulle strutture sanitarie», ha commentato il governatore ticinese Norman Gobbi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True