Domenica 09 Febbraio 2014

Erba, manca da casa da due mesi

«Aiutatemi a trovare mio marito»

Il portone di ingresso della casa di Giuseppe Barone, in via FerrarisSotto, la foto dell’autotrasportatore diffusa dai familiari dopo la sua scomparsa

Due mesi e mezzo senza che i familiari sappiano nulla di lui: Giuseppe Barone, 68 anni, manca da casa dallo scorso 18 novembre, quando, di mattino presto, ha lasciato la sua abitazione in via Ferraris.

Aveva detto che sarebbe andato a Cantù, nel nuovo negozio di specialità regionali che stava allestendo in via Kennedy. Ma all’appuntamento con il suo collaboratore, che gli avrebbe dovuto dare un passaggio in auto, Barone non si è mai presentato.

I familiari, che hanno più volte lanciato appelli sui media locali e nazionali, non sanno più che cosa pensare.

«Sono angosciata, mi chiedo dove possa essere finito, e che cosa possa fare in giro in pieno inverno da solo» dice la moglie trattenendo a stento le lacrime al pensiero del marito, sposato 42 anni fa, lontano dal tetto coniugale. Nessuna comunicazione da allora.

Né i carabinieri, che hanno diramato la segnalazione di persona scomparsa, hanno elementi per battere nuove piste ricerca. L’uomo non ha il telefonino, che ha lasciato nella sua abitazione, né risulta che abbia mai utilizzato la tessera bancomat in tutti questi giorni.

«Io voglio rinnovare il mio appello e chiedere a chi lo ha visto di segnalarcelo o di chiamare i carabinieri» dice la donna.

Del caso si è occupato anche la trasmissione tv di Raitre “Chi l’ha visto”, mandando in onda la foto dell’uomo e una breve descrizione della sua andatura claudicante.

Franco Tonghini

© riproduzione riservata