Ginnastica ritmica, l’addio di Patriarca raccontato dal Panathlon
Camilla Patriarca insieme a Dalio Cesaroni e Rina Forni

Ginnastica ritmica, l’addio di Patriarca raccontato dal Panathlon

L’olimpionica di Rio ha raccontato la sua carriera durante la serata al club del capoluogo parlando della medaglia mancata e delle prospettive

È arrivata con quasi due anni di ritardo (giustificati) a ritirare il suo Premio Panathlon la ginnasta Camilla Patriarca – in una serata tutta sua – e ha raccontato, a cuore aperto, la sua bellissima storia ai soci, molto interessati a capire le sensazioni da lei provate alle Olimpiadi di Rio. Con quel podio sfiorato, dal quintetto italiano di ritmico, le cui immagini sono ancora vivide in molti di noi.

«Quando ho cominciato, sognavo di arrivare alle Olimpiadi e ci sono riuscita. Il mio punto debole era nel maneggio degli attrezzi, ma sono migliorata strada facendo. Usando la testa, con tenacia, sono riuscita a realizzare gli obiettivi che mi ero posta».

Leggi il racconto di Camilla Patriarca su La Provincia di Sondrio in edicola il 28 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA