Martedì 30 Settembre 2014

Griante, un lavoro ai migranti

Se disposti a pulire le strade

L’abbazia dell’Acquafredda che ospita un centro di accoglienza per una quindicina di migranti
(Foto by foto Selva)

Ci sono segnali provenienti dal lago, che stanno a dimostrare il buon esito dell’accoglienza ai profughi, indipendentemente dai paesi di provenienza.

Parla un verbale pubblicato dal Comune di Griante.

«È stata approvata una convenzione con la Caritas – sono parole del primo cittadino Paolo Mondelli – per dare rifugio ai profughi africani i quali, ben disposti, si prestano a eseguire lavori di pulizia delle strade. Il proposito è di avviare un analogo rapporto con la gestione carceraria per impiegare detenuti. Il tutto per il Comune nel caso dei migranti non costa niente in quanto perfino l’assicurazione viene pagata dalla Caritas, mentre per quanto attiene i carcerati quest’unico onere sarà in capo all’amministrazione».

Leggete tutti i particolari nell’edizione odierna de La Provincia.

© riproduzione riservata