Domenica 07 Luglio 2013

I misteri di Mady, la colf scomparsa
Conferme dal Dna: il cadavere è suo

Se qualche dubbio residuo era rimasto, la consulenza del Laboratorio di anatomia patologica forense l’ha spazzato via: i resti rinvenuti nel 2001 all’esterno del cimitero di Tavernerio, otto anni dopo la sua scomparsa, sono senza dubbio ciò che rimane di Maddalena Calabria, la colf di Molteno sparita nella primavera del 1993.

È questo il punto di partenza della consulenza depositata l’altro giorno in Procura a Lecco, consulenza richiesta dal pubblico ministero Rosa Valotta, titolare dell’inchiesta, al Laboratorio di antropologia e odontologia forense dell’Università degli Studi di Milano diretto da Cristina Cattaneo, massima esperta in questo settore tanto da essersi meritata l’appellativo di “Bones italiana”.

Il servizio su La Provincia in edicola domenica 7 luglio

Antonella Crippa

© riproduzione riservata