Lunedì 25 Novembre 2013

Il cuore cede nei boschi di Cantù

Cacciatore salvato in extremis

Un sentiero in zona Varenna, vicino a dove si è verificato il malore
(Foto by foto Bartesaghi)

«Mi fa male il petto, aiutatemi», sono state le sue parole prima di stendersi in terra, bianco in volto, il cuore sofferente. Una battuta di caccia rovinata da un infarto, sotto gli occhi del fratello e del cognato, con minuti di terrore vissuti dal terzetto e dagli amici andati per fagiani nei boschi tra Vighizzolo di Cantù e Brenna.

È stato operato d’urgenza all’ospedale Sant’Anna di San Fermo un uomo di 45 anni, artigiano di Cantù. Deve la sua vita a un cellulare acceso e all’arrivo dell’elisoccorso in una zona impervia, altrimenti impossibile da raggiungere, in una domenica mattina, per parenti e conoscenti, segnata dallo sgomento.

Tutti i dettagli sul giornale in edicola.

© riproduzione riservata