Il rapper Rkomi nel suo libro «Bere non serve a niente»
Rkomi cd più libro Ossigeno

Il rapper Rkomi nel suo libro
«Bere non serve a niente»

Ha 25 anni ma ha già scritto una biografia che esce venerdì 13 con un cd di sei inediti

Quando saliva sul palco davanti a centinaia di fan, si sentiva confuso e frastornato, poco lucido, come se avesse bevuto. Allora, pensando di stare meglio, beveva davvero. Un cocktail, così, tanto per sciogliersi un po’. Solo che una volta di concerti ne aveva tre in una sera e al terzo locale è arrivato che stava male e si dovuto sdraiare a dormire sul bancone del bar. A quel punto Rkomi ha capito che bere non serviva a niente e ha smesso. “Prima se dovevo salire sul palco, mi spaccavo. Adesso spacco voi”. Questa è solo uno dei tanti aneddoti che Mirko Rkomi Martorana ha raccontato nel suo primo libro, Ossigeno pubblicato da Universal con un cd con sei inediti. Un libro che sarà letto dai ragazzi perchè il suo pubblico è giovane e quindi dentro c’è questa grande lezione. Bere non serve a niente. E anche quando sembra che dia sollievo, è solo un’illusione. Nero su bianco in un libro in bianco e nero chiuso in un cofanetto che contiene anche un cd.

In realtà Rkomi si è quasi scusato a chiamarlo libro «so bene cos’è un libro» in realtà è un libro vero e proprio, una biografia di un ragazzo che ha solo 24 anni ma ha già fatto due feats con il re del rap Marracash oltre a un cd “Io in terra” che ha avuto un grande successo ma che lui ritiene sperimentale. «Ho autostima – ha detto –. So quello che valgo, se no non andrei avanti, ma sono anche molto autocritico e voglio migliorarmi. Infatti non voglio fare solo rap ma lavorare in studio per esplorare altre sonorità. Per esempio io adoro Cesare Cremonini, se ci fosse la possibilità di fare un feats con lui, impazzirei di felicità». Stessa sensazione che ha provocato con la partecipazione nell’ultimo successo di Marracash, Businnes class, un inedito inserito nell’album che celebra i dieci anni del cd Marracash. Nei sei inediti di Ossigeno c’è un feats con Tedua, un rapper genovese con il quale Rkomi ha diviso l’appartamento a Calvairate.«Ho voluto andare a vivere da solo a 18 anni, sapevo già cucinare e fare una lavatrice ma volevo provare a vivere da solo senza mia mamma e mia sorella con 800 euro e al mese. Io e Mario (Tedua) volevamo dimostrare al mondo che eravamo pronti a tirar fuori la nostra musica». Ce l’hanno fatta tutti e due. E non hanno intenzione di smettere. Rkomi (il nome d’arte è l’anagramma del suo nome vero, Mirko) è un tipo che pensa prima di fare le cose. Però usa anche l’istinto. In questo mix ci sono testi al di sopra della media che canta solo e sempre di soldi, oro, droghe, ecc. «E infatti mi sono accorto che i ragazzi agli instore mi fanno domande più profonde, mi raccontano i loro segreti, mi racconto le loro esperienze personali. Una volta ero a radio deejay che rispondevo alle domande degli ascoltatori e anche loro hanno notato questa cosa. A volte ho paura di essere scambiato per psicologo però mi fa piacere che i ragazzi lo prendano come confidente». Scrive nel suo libro: «Penso sia più difficile fare una canzone che abbia tutti i crismi per poterla definire tale, un qualcosa che duri nel tempo. Non capisco perché dovrei accontentarmi di percorrere la via più facile, quando posso accrescere me stesso semplicemente entrando in studio». Rkomi è così, non è uno che sta tanto sui social. Anzi, quando deve staccare lascia il telefono a casa, va a correre, sta con la famiglia o con la fidanzata. Tutto per allentare quella collana di ansia che ha al collo. Non a caso il libro si chiama Ossigeno. «Sono pensieri» ha precisato lui. Pensieri e foto sue con sfondo il Duomo o il centro ma anche la periferia da dove arriva. Una città che ha odiato fino a 17 anni salvo capire poi che il problema era lui. E’ la storia di un ragazzo, come tanti altri. Ma che come pochi altri ha saputo superare la noia e la fatica di vivere trasformandola in arte, come stanno facendo altri giovanissimi nella musica. Oltre a Tedua nel cd canta con Ernia, un rapper che cita Baudelaire nelle sue poesie che con lui ha inciso Acqua e limone, rimedio per quando è senza voce. In copertina del cofanetto c’è lui con una tuta da Astronauta e mentre il suo primo album Io in terra è disco di platino lui sta preparando il prossimo che uscirà nel 2019.

La tracklist di Ossigeno:

1.Vuoi Una Mano

2.Solletico

3.Per Un Pugno Di Emozioni

4.Sao Paulo

5.Acqua Calda E Limone

6.Ossigeno

Gli instore

•13 luglio – Milano, Mondadori ore 15 e Varese, Varese Dischi ore 18

•15 luglio – Torino, Mondadori ore 14:30 e Genova, Mondadori ore 18

•16 luglio – Bologna, Feltrinelli ore 14:30 e Firenze, Galleria del disco ore 18

•17 luglio – Frosinone, Mondadori ore 14:30 e Roma, Discoteca laziale ore 18

•18 luglio – Bari, Feltrinelli ore 15 e Lecce, Feltrinelli ore 18:30

•19 luglio – Napoli, Feltrinelli ore 15 e Salerno, Mondadori ore 18

Di seguito le prossime date dell’Io in Terra Summer Tour 2018:

•11 luglio – Rimini, Altromondo Studios

•12 luglio – Fondi, Litorale live

•14 luglio – Milano, Ippodromo Snai San Siro Holi Dance festival

•30 luglio – Rapallo (GE), Villa Tigullio

•18 agosto –Termoli (CB), Teatro verde

•23 agosto – Forte di Vinadio (CN), Balla Coi Cinghiali

•25 agosto – Quartu Sant’Elena (CA), Tattoo convention

•1 settembre – Treviso, Home festival

•12 settembre – Porto Cervo (SS), spiaggia Li Capriccioli

© RIPRODUZIONE RISERVATA