Il sogno del museo del cavallo giocattolo festeggia i quindici anni

Il sogno del museo del cavallo giocattolo festeggia i quindici anni

Grande festa all’Artsana per il maxi regalo che Pietro Catelli si fece per l’ottantesimo compleanno. Il museo finora è stato visitato da 80mila persone, la metà bambini

Un compleanno speciale, quello del museo del Cavallo giocattolo di Grandate, inaugurato esattamente quindici anni fa, il 14 aprile 2000, dal cavalier Pietro Catelli, fondatore del gruppo Artsana. Il museo, unico al mondo, è stato il suo regalo per l’ottantesimo compleanno.

Impresa che guarda al futuro

Un modo, il suo, per guardare al futuro, alle nuove generazioni e per consentire ai più piccoli di non smettere di sognare. E non a caso ieri pomeriggio, nella cerimonia ufficiale, i piccoli protagonisti, dell’Accademia Giuditta Pasta, non sono mancati. Doppia esibizione al flauto traverso e al pianoforte.La figlia Francesca Catelli, vice presidente del gruppo, ha riocordato quando «papà Pietro chiamò noi tre figli e ci disse che voleva lasciare un segno tangibile che restasse anche quando lui non ci sarebbe più stato». E così nacque, il 14 aprile di quindici anni fa, il museo con la sua collezione originaria di circa 500 pezzi dal Settecento al Novecento, arrivati oggi a quota 650, compresi regali lasciati dai bambini. E compreso “Roberto”, il cavallo gigante collocato all’esterno, che ha fatto parte della scenografia di”Pinocchio” di Benigni..


© RIPRODUZIONE RISERVATA