Mariano, imprese contro il Comune  «Sul traffico non ha idee»
Una coda in via Santa Caterina da Siena (Foto by archivio)

Mariano, imprese contro il Comune

«Sul traffico non ha idee»

Il Centro promozione Brianza “striglia” Mariano. E chiede le due mini tangenziali taglia-code

«Al posto di pensare a collegamenti utopistici tra Paina e la Novedratese passando da Carugo, con cifre insostenibili da milioni di euro che non si faranno mai, il Comune di Mariano faccia due piccole cose che potrebbero migliorare la viabilità locale con grande vantaggi per le aziende e i cittadini».

Lo sostiene Enrico Radice, rappresentante del Centro promozione Brianza di Cabiate, che alla nuova amministrazione di centrosinistra rivolge un appello: «Abbiate il coraggio di guardare agli interessi generali e non a quelli di poche persone perché realizzando due piccole tangenziali si potrebbero migliorare i collegamenti alla Pedemontana attraverso lo svincolo di Meda, ma soprattutto mettere in sicurezza la via Santa Caterina da Siena sulla quale mi sembra che da tempo si facciano degli esperimenti senza avere le idee chiare».

Radice ha scritto al sindaco Giovanni Marchisio, all’assessore alla Mobilità Stefano Marelli e alla Redas, la società che si sta occupando della revisione del piano urbano del traffico.

Ma cosa propone? «Di unire la rotatoria di via Aldo Moro di Mariano con la rotatoria di via Alfieri di Cabiate per consentire un percorso più fluido, ma soprattutto questo permetterebbe di creare un’alternativa al passaggio dei mezzi diretti alle aziende da via Santa Caterina da Siena, ormai quotidianamente in sofferenza».

Non solo nei momenti di entrata e di uscita dalla scuola superiore Jean Monnet che coinvolge più di 1.700 ragazzi, oltre ai docenti e al personale didattico, ma «a vantaggio anche di una via sulla quale sono presenti il centro sportivo, diverse residenze e attività commerciali».

L’articolo completo e l’approfondimento sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA