Venerdì 27 Dicembre 2013

Cucciago incassa poche tasse
Ma l’asilo nido non rischia

Il Comune ha scelto di esternalizzare la gestione dell’asilo “Piccoli Principi”

Le tasse non entrano come dovrebbero, soprattutto per il comportamento di Stato e contribuenti. E il Comune di Cucciago, per far quadrare i conti, è costretto a tagliare.

Dall’anno prossimo non peseranno più sul bilancio né il servizio di asilo nido, garantito da qualche anno, né il già esternalizzato servizio mensa.

«Ma esternalizzare non vuol dire chiudere anzi - spiega il sindaco Luciano Frigerio -: proprio con questa scelta riusciamo a sgravare il Comune dalla gestione diretta ma al tempo stesso garantiamo un servizio essenziale per diverse famiglie cucciaghesi».

La quadratura del cerchio insomma: rispettare gli strettissimi vincoli di bilancio imposti dalla Corte dei Conti agli Enti locali e al tempo stesso non tagliare servizi per i cittadini.

E l’apprezzamento per il lavoro del nuovo gestore, la cooperativa “Eolo” di Drezzo, è testimoniato dal fatto che già sei famiglie usufruiscono del servizio, sul quale il Comune peraltro ha imposto precise condizioni e vigila costantemente.

Come d’altronde è già avvenuto con il servizio mensa che, grazie all’ingresso di una società privata, è stato anche potenziato fino a garantire la fornitura anche per altre scuole.

Tutti i dettagli sul numero in edicola domani.

© riproduzione riservata